La pazzesca storia del Cardiff Met University in Europa League


C’è una storia pazzesca, unica e bellissima, che arriva direttamente dal Galles. Parliamo di calcio, ma forse sarebbe riduttivo. Parliamo di favole, e forse così va meglio. Perché qui non centra nulla Gareth Bale, che della nazione è il calciatore più famoso, né squadre decorate o famose.

Protagonista del nostro racconto è una squadra di studenti di un’università. Stiamo parlando della Cardiff Metropolitan University, formazione interamente composta da studenti, dottorandi e frequentatori di master. C’è uno psicologo in porta, ad esempio, un analista a centrocampo, un esperto di management sportivo, un futuro professore di educazione fisica. Fin qui tutto normale, tutto possibile.

Il bello è che questa squadra di secchioni giocherà niente di meno che l’Europa League. Ebbene sì, perché grazie al particolare regolamento della vecchia Coppa Uefa, tutte le nazioni europee possono mandare almeno una squadra nel tabellone. Così il Cardiff Met University è finito ottavo in campionato, ultima postazione utile per accedere agli spareggi per l’Europa. Prima la vittoria col Caernarforn Town, poi la vittoria in finale contro il Bala Town. Dove Will Fuller, portiere della squadra e studente di psicologia, ha parato ben 3 rigori: “Forse mi ha aiutato studiare il cervello delle persone”.

A guidare la squadra in Welsh Premier League c’è l’allenatore Christian Edwards, ex difensore del Nottingham Forrest. Che adesso aspetterà il prossimo 12 giugno per sapere chi saranno gli avversari dei preliminari di Europa League, che partiranno il 20 giugno con ritorno il 4 luglio. Ovviamente il Cardiff Met University entrerà dal gradino più basso di tutti, ma poco importa. Tra le possibili avversarie ci sono squadre di San Marino, Isole Far Oer, Andorra, Armenia e Lussemburgo.

Una trasferta che i ragazzi gallesi affronteranno con dedizione e passioni. Tutti tra i 18 e i 25 anni, tutti gallesi tranne uno studente erasmus, proveniente dalla Finlandia, e un inglese. L’università stessa è piccolissima: solo 11 mila studenti, quando da noi, per intenderci, La Sapienza di Roma ne è ha 100.000. E a proposito di cifre, la Uefa li premierà, come da regolamento, di 220.000 euro. Soldi che saranno spesi per la trasferta europea, ovviamente, ma anche per investimenti per le strutture, per la gestione e, magari, per ampliare il loro stadio: il Cyncoed Campus, infatti, ha una capienza di appena 1.620 persone.

Serve ingrandirlo per abbracciare tutti i loro i tifosi. Ma questo è il futuro, un domani lontano. Adesso la testa non è nemmeno all’Europa League. Prima, c’è la sessione estiva di esami! In bocca al lupo a questi pazzi, e fortissimi, studenti.


Like it? Share with your friends!

0
, 0 points

What's Your Reaction?

Cry Cry
0
Cry
Cute Cute
0
Cute
Damn Damn
0
Damn
Dislike Dislike
0
Dislike
Lol Lol
0
Lol
Like Like
0
Like
Love Love
0
Love
Win Win
0
Win
WTF WTF
0
WTF

Comments 0

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

La pazzesca storia del Cardiff Met University in Europa League

log in

Become a part of our community!

reset password

Back to
log in
Choose A Format
Personality quiz
Trivia quiz
Poll
Story
List
Open List
Ranked List
Meme
Video
Audio
Image